by

200.000 australiani presentano problemi relazionati al gioco d’azzardo

Secondo dati recenti in Australia quasi 200 mila persone soffrono di problemi relazionati al gioco d’azzardo.

La ricerca è stata condotta da Hilda (Household, Income and Labour Dynamics in Australia) che ha analizzato, tra le altre, le condizioni in cui versano i giocatori d’azzardo australiani.

Gli autori della ricerca hanno affermato che è la prima volta che in una delle loro indagini vengono introdotti quesiti sul gioco, dal momento che finora non è stato svolto alcun sondaggio nazionale sulle attività di gioco d’azzardo e sui fattori socio-economici connessi a questa attività ricreativa.

Grazie alla ricerca ed ai risultati emersi, è stato rilevato che il gioco è molto popolare tra gli uomini più anziani, in particolare tra quelli compresi nella fascia d’età che va dai 55 ai 74 anni; i più numerosi sono quelli appartenenti alla fascia d’età 65/74 anni, con un indice che supera il 50%. Anche le donne anziane, seppur in misura minore, sono dedite al gioco, in particolare quelle che hanno tra i 55 e i 64 anni, nelle quali si riflette la percentuale più alta, il 48%.

A giocare meno i più giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni, con un tasso del 21% riferito agli uomini e del 12% riferito alle donne.

Per quanto riguarda la spesa, in media gli uomini sono più spendaccioni rispetto alle donne. Gli uomini compresi tra i 45 e i 54 anni spendono in media $ 160, mentre sono le donne di età superiore ai 75 le più spendaccione, con una media di $ 120 al mese.Le più contenute per quanto riguarda la spesa sono le donne tra i 25 ei 34 anni con una media di poco più di 50 $ al mese; gli uomini di età compresa tra i 65 e i 74 anni, spendono in media circa 115 dollari al mese.

L’indagine ha rilevato inoltre, che i giochi più popolari sono il Lotto e altri giochi simili, seguito dal Gratta e Vinci e dai Pokies. Tuttavia, le medie indicano che i giocatori spendono di più per il poker, seguito dalle macchine pokies e poi dalle scommesse sulle corse dei cavalli e dei cani.

Al di là delle spese, il Lotto e le Lotterie sono in alto alla classifica delle preferenze con il 30%; segue il Gratta e Vinci con l’8%, le macchine da pokies col 7%, le scommesse sulle corse 5,5% e le scommesse sportive 3%. Il Poker è preferito solo dall’1% dei giocatori, ma, come abbiamo detto, è il segmento in cui si spende di più, 150 dollari al mese.

Secondo il sondaggio Hilda i problemi relazionati al gioco interessano solo l’1,5% della popolazione maschile e lo 0,8% di quella femminile.Inoltre, anche se il tasso è molto basso rispetto ad altre regioni, lo studio indica che aver rilevato la presenza di 200.000 persone che soffre di problemi di gioco d’azzardo, non è una cosa da poco. Lo studio ha esaminato anche l’associazione tra fattori socioeconomici e gioco problematico.

Ha inoltre rilevato che gli uomini e i popoli indigeni sono più propensi a convertirsi in giocatori problematici. E’ stata anche presa in considerazione l’associazione tra fattori relazionati allo stile di vita, ad esempio sul fumo e sul consumo di bevande alcoliche.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *